close

CERCA

 

Dreaming of travelling again

Continuiamo a credere nel nostro dreamcatcher !

Una saggia madre indiana sapeva che in cuor suo sarebbe stato ingiusto chiudere la porta alla paura della sua bimba, inventò una rete tonda per pescare i sogni nel lago della notte, poi diede all’oggetto un potere magico: riconoscere i sogni buoni, cioè quelli utili per la crescita spirituale della sua bambina, da quelli cattivi, costruì tanti "acchiappasogni" e li appese sulle culle di tutti i piccoli del villaggio cheyenne.
Man mano che i bambini crescevano abbellivano il loro "acchiappasogni" con oggetti a loro cari e il potere magico cresceva, cresceva, cresceva insieme a loro.

Ogni Cheyenne conserva il suo "acchiappasogni" per tutta la vita, come oggetto sacro portatore di forza e saggezza. Ancora oggi, a secoli di distanza, ogni volta che nasce un bambino, gli Indiani costruiscono un “dreamcatcher” e lo collocano sopra la sua culla. Con un legno speciale, molto duttile, plasmano un cerchio, che rappresenta l'universo, e intrecciano al suo interno una rete simile alla tela del ragno.

Alla ragnatela assegnano il compito di catturare e trattenere tutti i sogni che il piccolo farà. Se si tratterà di sogni positivi, il "dreamcatcher" li affiderà al filo delle perline (le forze della natura) e li farà avverare.
Se li giudicherà invece negativi, li consegnerà alle piume di un uccello e li farà portare via, lontano, disperdendoli nei cieli.

TROVA
Ispirazione


Fiordo di saguenay

Lima

Maiorca

Marsa alam

Santorini

Parco kruger

Ek balam

Kanazawa

Ivalo

Ubud

Garanzia nuove ali

Khao lak